Comunicati Stampa Online è il sito leader in Italia per la diffusione di Comunicati Stampa a 800 TOP Giornalisti,
2 agenzie di stampa e Pubblicazione su 30 Siti Web ad Alto Traffico

PACCHETTI DISPONIBILI

ENTRY

59 €

BASIC

699 €

PREMIUM

899 €

BUSINESS

1599 €

ENTERPRISE

1999 €

Lisa Pigato e il match da sogno contro la Williams: "Serena mi ha detto che le sono piaciuta"

Lisa Pigato e il match da sogno contro la Williams: "Serena mi ha detto che le sono piaciuta"

Share
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Lisa-Pigato-e-Serena-Williams-1-1320x880
Milano – Dalle lacrime di gioia di domenica pomeriggio, quando ha scoperto che il suo primo match in carriera a livello Wta l’avrebbe giocato contro Serena Williams, alla soddisfazione di lunedì, per l’ottima prova al cospetto della tennista più forte di tutti i tempi. Le ultime 24 ore di Lisa Pigato sono state un turbinio di emozioni positive, chiuse con l’immancabile foto ricordo con la campionessa statunitense e con le belle parole che quest’ultima ha tributato alla 17enne della Milano Tennis Academy, sconfitta per 6-3 6-2 a testa altissima. Perché quella dell’Emilia-Romagna Open di Parma è stata una partita vera, nella quale la giovane allieva di papà Ugo e di Giacomo Oradini si è presa il lusso di tenere in campo per oltre un’ora una leggenda della racchetta, strappandole anche il servizio in apertura di match. “Quando ho visto il sorteggio – ha detto Lisa – ero davvero felicissima ma anche tanto agitata. Sono crescita vedendo giocare Serena in tv, non mi pareva vero di aver la possibilità di affrontarla. Ho cercato comunque di preparare la sfida come se fosse un match qualsiasi, senza pensare troppo a chi mi sarei trovata di fronte. Non vedevo l’ora di scendere in campo: all’inizio ero molto agitata, ma sono comunque riuscita a esprimere il mio gioco. L’obiettivo era quello: pensare al mio tennis senza badare troppo a Serena. Lei tira veramente forte, è difficile trovare il ritmo con una giocatrice così, ma malgrado la tensione e l’emozione sono contenta di ciò che ho saputo fare in campo”.

Dopo la stretta di mano, Lisa ha chiesto una foto a Serena, che ha ricambiato con parole dolci. “Un’occasione così – continua la bergamasca – capita una volta nella vita. Le ho detto che affrontarla è stato un onore, mi ha chiesto quanti anni avessi e mi ha fatto i complimenti per aver superato le qualificazioni. Ha detto che le è piaciuto il mio gioco, il mio atteggiamento e il modo in cui ho affrontato la partita. Parole bellissime e importantissime”. L’esperienza di Parma a Lisa lascia tanto, partendo dalle due vittorie di spessore nelle qualificazioni, che le hanno aperto le porte del sogno Williams. “Volevo capire se fossi all’altezza di questi livelli – ha aggiunto –, e la risposta è positiva. Ho dimostrato a me stessa che posso essere competitiva e vincere delle partite anche in questi tornei”. Lo conferma papà Ugo, direttore tecnico della MTA. “Un torneo così – dice – è esattamente ciò che stavamo cercando. Lisa ha tante qualità, ma non sempre se ne rende conto. L’esperienza di questa settimana le ha fatto vedere che può competere anche a questi livelli: ora deve lavorare nei tornei minori per costruirsi una classifica che le permetta di giocare più spesso le qualificazioni dei tornei Wta”. “Abbiamo avuto la conferma – aggiunge coach Oradini – del fatto che quando le avversarie alzano il livello, Lisa sa tenere il loro passo. Ora deve imparare a giocare sempre a certi ritmi, indipendentemente da chi si trova di fronte. Questo torneo le servirà per lavorare con ancora più determinazione”. Un plauso, infine, anche da Patrick Mouratoglou, coach di Serena. “Gli ho chiesto una sua impressione – chiude Pigato – e ha detto che gli è piaciuto l’atteggiamento di Lisa. Quando si affronta un’avversaria sapendo di non aver chance, c’è il rischio di non giocare la partita. Invece Lisa quando ne ha avuto la possibilità l’ha fatto”. Un’altra nota positiva di una settimana preziosissima.
MTA: IL NUOVO LABORATORIO TENNISTICO DI MILANO
La Milano Tennis Academy è nata nel giugno 2018, e si fonda sul sodalizio fra Ugo Pigato, uno dei tecnici più titolati del panorama nazionale, e Piercarlo Guglielmi, presidente e responsabile manageriale dell’Academy. L’obiettivo è la costituzione di un laboratorio tennistico di alto profilo e di respiro internazionale che possa portare Milano allo stesso livello delle città e delle accademie più importanti al mondo a livello tennistico. Un progetto che si inserisce a pieno titolo nel contesto della città moderna e metropolitana di oggi, e che ha base allo Sporting Milano 2, oasi verde nel quartiere residenziale alle porte del capoluogo. All’interno della struttura la MTA conta su sette campi, di cui sei coperti in inverno: 4 in sintetico e 3 in terra battuta. E ancora su players’ lounge, palestre, palazzetto dello sport, centro benessere e tutto ciò che serve per mettere a proprio agio i giocatori. Dal 2020 è entrata a far parte del team MTA anche Francesca Schiavone, campionessa del Roland Garros 2010, col ruolo di supervisor di tutte le attività dell’accademia.

Ufficio Stampa Milano Tennis Academy
Marco Caldara – cell: 3203580632
Alessandro Saini – cell: 3923239548

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *